Finanza per la crescita

Finanza per la crescita, spunti e strategie

Il 23 Novembre si è svolto l’incontro intitolato “Finanza per la crescita”, una serata di approfondimento sui temi di management aziendale promossi dal format “Salotti di Management” di Strategia&Controllo. Nello specifico l’incontro ha coinvolto esperti del settore finanziario, manager aziendali ed esponenti dell’innovazione che hanno condiviso approfondimenti e strategie per supportare lo sviluppo delle imprese locali.

L’evento è stato moderato da Tommaso Cuzzolin Advisor di Strategia & Controllo ed si è caratterizzato dal fil rouge di due domande: le strategie aziendali di lungo periodo e gli strumenti che il settore finanziario mette a disposizione. Da qui la serie di interventi concentrati in particolare sul mix di opportunità finanziarie da ponderare ed integrare sulla base dei progetti di crescita delle imprese del territorio.

Il caso di Friulchem Spa

L’incontro si è aperto con l’intervento di Disma Giovanni Mazzola, CEO di Friulchem Spa azienda leader nella R&D e produzione di di prodotti farmaceutici originali e generici per uso umano e veterinario. Il dott. Mazzola ha condiviso la sua testimonianza e il processo di crescita dell’impresa dalla quotazione in borsa all’espansione avvenuta in Francia, tramite un’operazione straordinaria di acquisizione di un’impresa già operativa. La strategia di sviluppo è stata supportata da Finest Spa che ha rivestito un ruolo cruciale sia di finanziatore sia di partner strategico nel progetto di internazionalizzazione.

Finest Spa

A questo proposito Salvatore Benigno, Senior Investment Manager di Finest Spa, ha sottolineato come l’espansione oltre i confini nazionali richieda una solida base finanziaria e come Finest possa fungere da partner strategico in questo percorso. Benigno ha esposto come la società del Gruppo Friulia favorisca l’internazionalizzazione delle imprese grazie all’esperienza maturata in oltre 30 anni di attività e alla profonda conoscenza del mercato in alcuni paesi del Mondo.

Durante l’evento Benigno ha sollevato un punto di notevole interesse legato alla nuova globalizzazione. Ha evidenziato come sempre più aziende stiano riportando le proprie produzioni in Italia: un esempio tangibile di questo cambiamento è rappresentato da aziende come Bianchi, che, con il supporto di Considi, ha compiuto il passo significativo di riportare la produzione nel proprio paese di origine. Questo non solo dimostra la concretezza di questo cambiamento di prospettiva, ma sottolinea anche l’importanza di strategie di collaborazione e consulenza come quelle fornite da Considi per guidare questo processo di rilancio della competitività italiana che tenga conto delle nuove esigenze del mercato, abbracciando un modello di industria 5.0.

Civibank

Al tavolo era seduto anche Roberto Polesello Responsabile Area Corporate Banking FVG di CIVIBANK. Un elemento centrale del suo intervento è stato l’invito a considerare attentamente le strategie finanziarie e a valutare le diverse opportunità messe a disposizione dai servizi bancari, tra cui anche strumenti di finanza agevolata come la Sabatini e il Fondo di Rotazione delle Iniziative Economiche (FRIE). Ha evidenziato come la collaborazione tra istituti finanziari come avvenuta nel caso di Friulchem, fatta dal tandem tra Friulia e Civibank, possa essere un catalizzatore essenziale per lo sviluppo economico, sottolineando l’importanza di adattare le strategie finanziarie alle strategie aziendali e non viceversa.

Polo Tecnologico Alto Adriatico A. Galvani

L’intervento di Franco Scolari, Direttore del Polo Tecnologico Alto Adriatico, ha portato il punto di vista della finanza dedicata alle start-up e all’innovazione, mostrando come esista una finanza specifica per ogni fase di avvio dell’iniziativa aziendale. Significativo lo spunto che in tutta la sua lunga esperienza, Scolari non abbia mai incontrato una start up, ma solo startupper, questo a sottolineare la centralità delle persone nelle iniziative economiche.

Attraverso poi un esempio vivido tratto dal mondo della vela, Scolari ha comunicato il suo messaggio principale: nei momenti di dura battaglia, coloro che abbracciano rotte innovative e audaci, possono emergere come i veri vincitori.

Ha collegato queste idee al concetto di servitizzazione, evidenziando che le aziende devono essere pronte a innovare nei loro prodotti e processi per rimanere competitive fornendo una prospettiva preziosa sul ruolo della finanza nel determinare il successo delle imprese in periodi di cambiamento e incertezza economica.

Conclusioni

In conclusione, possiamo dire che l’evento “Finanza per la Crescita” è stato uno degli incontri di “Salotti di Management” per stringere nuove relazioni e contaminarsi con esperienze di altre imprese e un momento dove i presenti hanno potuto cogliere spunti preziosi e strategie concrete per guidare la crescita delle proprie aziende, in cui la finanza può diventare un motore trainante per l’espansione e lo sviluppo delle stesse.